NEWS

Cover for nouvelle esthetique

Pubblicato il: 23 Marzo 2021

Ecco tutto il lavoro che si nasconde dietro allo scatto presente sulla copertina di questo numero

La New Line Academy, Partner school Les Nouvelles Estétiques, ha prodotto la cover di questo numero (ottobre-novembre) insieme alla Make-up Artist Silvia Gerzeli ed il fashion photographer Niccolò Chimenti.

La produzione di una cover di un magazine, ai non addetti ai lavori, può apparire un gioco divertente, fatto di luci della ribalta e capelli mossi dal vento.

In parte è così, ma prima di tutto bisogna attuare uno studio attento, prima di qualsiasi embrionale pensiero.

OK
OK (3)

Prima di tutto è necessario studiare il magazine per il quale si realizzerà l’immagine, ossia del suo stile e del suo target di lettori, poi delle mode internazionali del momento, andando a guardare le ultime sfilate con le recenti proposte degli stilisti, le ultime produzioni di fashion photography e le adv dei maggiori brand.

Altrettanto importante è valutare il periodo di uscita del magazine, poiché si andrà a definirne in automatico le tematiche generali.

Ecco che, quando la redazione di LNE ci ha contattati, la prima cosa che siamo andati a considerare è che la cover richiesta era per il numero autunnale. Questo ci portava direttamente ai colori caldi delle foglie che cadono dagli alberi, alla pelle ancora leggermente baciata dal sole estivo, ad un’atmosfera di leggera malinconia e ai nuovi inizi.

Ciò che ci siamo poi chiesti è stato come esprimere la nostra personalità da make-up artist in un contesto di ragionamento estetico cui una rivista di tale calibro si rivolge, rispondendoci con alcuni concetti chiave quali “colore”, “moda”, “avanguardia”, “cura della pelle”, “make up no make-up”, “fake – no fake”, “bellezza idealizzata”, “naturalezza”, “giovinezza”, “salute”.

Da subito il nostro obiettivo è stato quello di dimostrare che “artist” si può essere anche senza esagerare, che less is more, uno dei nostri più famosi e seguiti mantra e che, in realtà, l’abilità sta proprio nell’esprimere tutti i concetti sopra citati con un semplice colpo di pennello: stravagante e colorato che sia, non deve in alcun modo sovrastare il mòno-tono di tutta l’immagine in generale, invece accompagnandola e non esserne padrone.

Da questi concetti teorici si passa al pratico, facendo ricerca di immagini attingendo al web ma anche alla storia dell’arte e all’immaginario filmico. Sappiamo bene come nel mondo moderno sia tutto veloce, rapido, quanto spesso e volentieri l’immagine sia praticamente tutto e una sola immagine contenga milioni di concetti. Lo sanno bene i pittori, i fotografi e anche i make-up artist. E difatti questi artisti creando un’immagine contribuiscono a creare un immaginario.

OK (4)
OK 6

Terminate tutte le ricerche, scelte le forme e le tonalità, realizziamo una Face-Chart trasponendo su carta il progetto pensato che il Make-up artist adeguerà alle caratteristiche della modella prescelta.

Ora il progetto viene consegnato al fotografo. Il suo lavoro, quando viene commissionato un progetto già ben definito, è sempre molto complesso.

Sarebbe semplice avere carta bianca su qualsiasi tema: scelta dell'ambientazione, delle caratteristiche che dovrà avere la modella o il modello, dello styling, fino al posizionamento delle luci, inquadratura, mood generale. Molto spesso i progetti lasciati in mano esclusivamente ai fotografi sono una rappresentazione del loro singolo pensiero e della visione individuale di un tema.

Ma è proprio nel compromesso, nella necessità di potersi muovere solo entro certi binari, nel prendere in mano il lavoro di un team e doverlo portare a termine che si accende la creatività.
Il fotografo deve quindi contemporaneamente stare un passo indietro, per seguire le direttive e le necessità del committente e della squadra di lavoro, e un passo avanti, per guidare sé stesso e gli altri verso la meta, cioè la realizzazione finale della fotografia da copertina.

Lo scatto dovrà inevitabilmente essere un “beauty”, cioè un primo piano in cui si dovrà valorizzare al massimo la modella, il trucco e l'acconciatura. Nessun vestito, nessun accessorio di scena, nessuna ambientazione da spiaggia tropicale. Come si può quindi essere creativi con delle linee guida così severe? Semplicemente portando sé stessi all'interno del proprio scatto, le proprie radici, ciò in cui ci si riconosce e la personale idea di bellezza.

Eleganza, modernità anche nella più classica delle pose, valorizzazione dei punti di forza del soggetto e del lavoro fatto dal team, in uno scambio continuo di idee e soluzioni differenti.
Quando hai la perfetta foto da copertina nel mirino della macchina fotografica, te ne accorgi un istante prima di scattarla.
E poi... click.

Guarda la cover in formato pdf

Crediti:
Management: New Line Academy
Make-up: Silvia Gerzeli
Photo and retouch: Niccolò Chimenti
Model: Allure models agency
Photo Backstage: Matteo Chirigi